Danzica: la Fiera di S. Domenico, ogni anno ad agosto dal 1260 - Nasz Swiat
08
Śr, grudzień

Visita la Polonia

Se il vostro gioco preferito è il solitario, allora questo evento decisamente non fa per voi. Infatti sono più di  sei milioni le persone  che ogni anno affollano la Fiera di S. Domenico a Danzica, rendendola una delle più grandi manifestazioni all'aperto d'Europa accanto all'Oktoberfest di Monaco di Baviera e ai mercati dell'Avvento di area tedesca. Sei milioni di ospiti: sei milioni di motivi, più che buoni, per visitare la Fiera di S. Domenico.

Come accade ormai da 754 anni, anche quest'anno  – fra il 26 luglio e il 17 agosto – il centro storico di Danzica si trasformerà in una delle più grandi fiere all'aperto d'Europa.  A dare inizio a questo evento fu l'ordine dei Domenicani nel 1260 quando,  su loro richiesta il papa Alessandro IV emise una speciale bolla che istituiva un mercato delle indulgenze nei giorni immediatamente precedenti e successivi alla festa di S. Domenico, durante il quale si ritrovavano a Danzica mercanti da tutto il mondo allora conosciuto per vendere e acquistare le merci più varie ed esotiche.  A partire da allora, nei secoli quello di Danzica sarebbe diventato uno dei porti  più importanti su scala europea, ricco e potente. E di conseguenza anche la Fiera crebbe al punto da diventare la maggiore nel suo genere del vecchio continente. Sebbene la Seconda guerra mondiale e i primi anni del comunismo abbiano interrotto questa tradizione annuale, la Fiera di S. Domenico è stata ripristinata nel 1972. Avendo alle spalle una storia così  gloriosa, riportarla all'antico splendore non era certo una sfida da poco. Con il tempo tuttavia si è riusciti a riportare la Fiera di S. Domenico ai fasti di un tempo, restituendole il posto che merita.

D'estate negli affascinanti quartieri della vecchia Danzica spuntano più di un migliaio di bancarelle sulle quali per tre settimane si possono acquistare oggetti che normalmente non si possono trovare in nessun negozio. Qui si danno convegno per esporre i loro tesori artigiani, artisti, collezionisti e commercianti di oggetti antichi. Non ci sono infatti  un tempo e un luogo migliori per acquistare cimeli e oggetti più o meno preziosi, o semplicemente curiosi, riportati alla luce nelle cantine e nelle soffitte polacche. Filatelici, numismatici, collezionisti di cartoline, di arte e oggetti antichi di tutto il mondo  si ritrovano in gran numero alla Fiera di S. Domenico di Danzica sapendo che qui possono arricchire le proprie collezioni, scambiarsi o andare in caccia di pezzi unici o rari. 

Di natura completamente diversa, anche se godono di non minore popolarità,  sono gli stand con i sapori regionali. Qui si possono degustare prodotti da forno, formaggi, vodke e liquori aromatici, birre artigianali e tutto ciò che viene realizzato con metodi tradizionali  nelle più diverse regioni, e non solo della Polonia. I buongustai qui si troveranno perciò al settimo cielo. E proprio per loro vengono preparati diversi speciali eventi che accompagnano la Fiera, come il Fischmarkt (Mercato del Pesce, in tedesco), la Sagra della Carne Polacca e la Sagra del Pane.

La Fiera di S. Domenico non è solo un immenso mercato, ma anche un festival. Un fitto programma culturale anima ogni angolo della città vecchia di Danzica, dove nel corso di queste tre settimane accade incessantemente qualcosa. Possiamo per esempio assistere a una quarantina di concerti di musica classica, etno, jazz, rock e alternativa, ma anche partecipare al festival dei carillon o di canto d'opera.  Con questo però il programma della Fiera non termina affatto. Possiamo ancora scegliere fra uno spettacolo di teatro o di cabaret o una gara tra forzuti come nelle antiche fiere, o partecipare o solo assistere alla celebre Corsa di S. Domenico o alla Maratona di  Solidarność.  Elemento fisso della Fiera è anche il Bajowisko (la Favoleria), un programma artistico pensato per i bambini che dura tre settimane e gode sempre di un enorme successo. 

I numeri parlano da soli: gli ospiti della Fiera di S. Domenico sono in numero maggiore degli abitanti di tutta la Norvegia, e di anno in anno aumentano. Un'atmosfera unica e irripetibile, unita al brio e all'energia sprigionata dagli eventi, attrae i turisti come una calamita. Sarebbe un peccato trovarsi d'estate in Pomerania e non visitare questa manifestazione, dal carattere inconfondibile, una delle più importanti nel panorama degli eventi su scala europea. Anzi, vale la pena programmare un viaggio a Danzica e in Pomerania proprio in occasione di un evento imperdibile come la Fiera di S. Domenico.


Per maggiori info

Organizzazione Turistica Regionale della Pomerania
http://pomorskie.travel

Fonte: www.polonia.travel/it