Konrad K. Schubert, l’arte di far ridere tra la Polonia e l’Italia - Nasz Swiat
23
N, styczeń

Włochy

Intervista a Konrad K. Schubert, vincitore del concorso del premio umoristico online Prugna d’Oro 2015.

Roma – 29 ottobre 2015 - “Che vuol dire che non vieni al compleanno di Luca?” “Maddai, c’è il, derby e poi Luca lo conosco da meno di un anno”. “Ma è tuo figlio!”

Renzi a Cuba visita il museo di Che Guevara. “Dunque è qui che produceva le magliette”.

Alfano: “La mafia non è riuscita ad entrare all’Expo”. Sarà rimasta in fila.

Tre battute di Konrad K. Schubert, 40 anni, polacco, vincitore del concorso del premio umoristico online Prugna d’Oro 2015.

Prugna d'Oro 2015 è stata la prima edizione di un concorso di satira ed umorismo, riservato agli autori pubblicati dalla rivista online "Prugna" nel periodo maggio 2014 - maggio 2015. Inizialmente mirato a selezionare una battuta da proporre ai Macchianera Awards, il concorso ha preso una strada diversa quando questi ultimi hanno cambiato, in corso d'opera, termini e condizioni di partecipazione.

Hanno partecipato 128 autori in una lista comprendente anche nomi di autori e vignettisti già noti al grande pubblico così come ghost-writer di comici presenti alla radio ed in TV.

La formula prevedeva sfide dirette con un tabellone "calcistico". Due sfide venivano pubblicate ogni giorno e passava il turno l'autore che otteneva più voti in 24 ore (dalle semifinali in una settimana). Il responso del pubblico è stato buono, nonostante la parte iniziale del torneo si sia svolta nel periodo delle vacanze estive.

Dopo 4 mesi di sfide si è giunti alla finale tra Konrad K. Schubert (unico autore straniero!) e Alessandro Braga, risoltasi sul filo del rasoio in favore del primo.


Konrad K. Schubert è autore della pagina facebook Mente sana in mondo insano, che dispensa più volte al giorno risate, a denti più o meno stretti. Danuta Wojtaszczyk gli ha fatto qualche domanda per Naszswiat.net, il portale dei polacchi in Italia

Da quanto tempo vivi In Italia?

Sono arrivato dalla Polonia la prima volta nel 1980, a seguito di una polmonite che non voleva saperne di passare. Il certificato medico mi ha consentito di ottenere un visto e raggiungere mia zia Anna che viveva a Roma già dagli anni '70. Di comune accordo con i miei genitori sono rimasto qui fino al 1987, frequentando elementari e parte delle medie. Successivamente sono tornato a Cracovia dove ho terminato la scuola dell'obbligo ed iniziato il liceo linguistico e poi sono tornato a Roma dove l'ho concluso con l'esame di maturità. E dove sono rimasto.



Quali sono i tuoi autori satirici preferiti?

Ce ne sono molti. Avendo avuto la fortuna di vedere dal vivo gli spettacoli di Jan Pietrzak, Bogdan Smolen e Piotr  Fronczewski, in un periodo in cui scherzare apertamente sul regime era ancora pericoloso, ho potuto assaporare l'abilità del dire-non dire e, soprattutto, la satira volta ad aprire gli occhi e far pensare, non solo quella mirata a deridere il potere. Continua>>

Segui le pagine con le satire di Konrad K. Schubert:

Mente sana in mondo insano>>

Soppressatira>>

Prugna Magazine>>

Twitter: @konradkschubert